famiglia

La ” famiglia del Mulino Bianco” esiste davvero?

In questo articolo parliamo di famiglia, quali sono i modelli, i desideri e le aspettative dei genitori nel 2021…


Spesso si rivolgono a me mamme e neomamme preoccupate per come stanno svolgendo il loro ruolo in famiglia. Spesso hanno l’idea o il falso mito della “ famiglia del Mulino Bianco” dove tutto è perfetto, tutti sono sorridenti e tutto funziona alla perfezione.

Oppure hanno l’idea che la neo-mamme dovrebbe essere riposata e tuttofare mentre allatta un piccolo che la sveglia anche di notte tre volte per poter essere nutrito e rassicurato.

Troppo spesso le mamme vivono con colpa e disagio il non sentirsi all’altezza della situazione.

A queste mamme racconto di come già Winnicott, geniale psicoanalista inglese che ha scritto libri importanti e meravigliosi sull’attaccamento, avesse già rilevato e liberato la figura materna dal dover essere perfetta ed infallibile per poter crescere un figlio “sano” e per non traumatizzarlo in modo irreversibile.

Lui ha coniato il termine di “madre sufficientemente buona” di fatto sdoganando e alleggerendo il ruolo materno ovvero da una madre sempre sul pezzo ad una madre meno perfetta, più sana ed emotivamente ed affettivamente presente in famiglia.

Per lui la madre sufficientemente buona è una mamma autentica è vera che nonostante la fatica, i dubbi e i sensi di colpa sa trasmettere la sicurezza e l’amore necessari allo sviluppo psico-emotivo del suo bambino.

Una mamma che sa sintonizzarsi con il suo bambino e con i suoi bisogni e comprende che ha dei limiti e che le sue risorse non sono infinite.
Una mamma che è base sicura per il proprio bambino e che ne favorisce l’esplorazione.
Una mamma che riconosce anche che possono esserci emozioni negative, ma anche grandi gioie e che la maternità è un’occasione per prendere di nuovo in mano la propria storia di figlia e di bambina.
Una mamma VERA.

 


Per qualsiasi informazione vi invito a contattare il centro ‘spazio connessioni’ al numero: 3441687150